sabato 11 settembre 2010

L'inizio e la fine del chiasso

Martedì iniziano le lezioni, che quest'anno in particolare mi terranno piuttosto impegnata, perché grazie alla riforma -Dio, detesto chiamare 'riforma' quella bestemmia culturale - siamo sempre a scuola a cercare di inventarci come diavolo insegnare latino con due ore alla settimana; quindi non tornerò più ai bei tempi, in cui postavo puntuale come un orologio, e vi farò spesso aspettare.
Per festeggiare questo lieto evento - si nota il velato sarcasmo? - proprio martedì posterò infine la one-shot su Sirius Black che ho scritto per il concorso Picta! Comics, e che si intitola come già sapete Chiasso.
Per la serie: finisco la storia di un chiasso, inizio quella di un altro.
Porco chiasso.

Trailer

In seguito, avrebbe ricordato per sempre quella folle corsa in cerca di una stanza vuota dentro cui chiudersi e dalla quale chiudere fuori il resto del mondo, la fretta selvaggia con cui l’aveva spogliata, il lampo di timore che era passato negli occhi di lei davanti a tutta quella foga, il modo in cui lui si era dovuto frenare, poggiandole la fronte tra i seni ed inspirando forte l’odore della sua pelle, l’attenzione con cui l’aveva deposta al suolo, sui loro mantelli stesi come un lenzuolo improvvisato, la lentezza con cui poi l’aveva esplorata, osservata, ascoltata, assaporata: un ricordo di lei a cancellare ogni ricordo di Remus, un’immagine di lei a coprire ogni immagine di quella notte, un gemito di lei ad attutire ogni grido di quell’esperienza, il gusto di lei a levargli dalla bocca il sapore acre della sofferenza.

Nessun commento:

Posta un commento