sabato 20 novembre 2010

Cinque al prezzo di due.

Siccome siete così carine, vi tengo aggiornate. Ieri ho sentito un altro ‘crack’ e oggi sono tornata al Pronto Soccorso.
Le costole rotte sono ben cinque, ora, e non sappiamo se lo fossero anche prima o se io continui a rompermele. Chiaramente ora la situazione è un po’ più allarmante, sia perché rischio di perforarmi un polmone, sia perché dobbiamo capire cosa stia accadendo alle mie ossa che si sgretolano. Insomma, non è esattamente una bella notizia e ora sì, che devo stare davvero immobile. Il difficile sarà spiegarlo al patato…
Grazie comunque, per i messaggi che mi avete mandato, per l’attenzione che mi avete dimostrato e per gli auguri che mi avete fatto anche nelle vostre storie. Scadrò nel patetico, ma è un momento piuttosto buio e ammetto che ogni virtuale pacca sulla spalla è un aiuto per il morale.
Detto questo, spero di non tediarvi più e di tornare a sparar cazzate come sempre in tempi brevi.

6 commenti:

  1. Mi dispiace davvero tanto per la tua situazione, spero che si trovi una soluzione e che sopratutto torni presto, perchè questo significherà che stai meglio! ;)

    RispondiElimina
  2. Ciao.
    Non ho mai recensito un granchè le tue storie ma le ho sempre seguite con passione e stima. Trovo che tu sia una gran donna davvero in gamba, in gambissima, e ti auguro davvero di cuore di riuscire a superare questo momento così particolare. Forza Francesca!

    RispondiElimina
  3. ho letto solo ora gli ultimi 4 post del blog. Come ti avevo già detto nel commento al capitolo ultimamente sono stata poco presente.
    Mi spiace molto per questo brutto momento che stai passando. mi ero rassenerata con il post del lieto fine ma ora leggendo questo rimango un pò così. Cerca di stare più a riposo possibile le costole putroppo sono davvero fastidiose quando si rompono e impiegano tanto a ripararsi. Se necessario lega il patato dalla forza sovrumana XD ( poveretto scherzo) in ogni caso l'importante è che non ti abbati sono sicura che andrà tutto a posto. Prendi il riposo forzato come una meritata vacanza didicata a rilassarti. Ti auguro tanto di rimetterti in sesto il più presto possibile.

    RispondiElimina
  4. Ciao, piccola donna dalle ossa rotte.
    Mi permetto di citarti:
    - carta: mi dispiace e spero tu possa uscire presto da questo periodo un po' schifoso;
    - carne: sono con te, emotivamente, cerebralmente, spiritualmente e umanamente, perché ti reputo un'amica e il tuo dolore è il mio.

    RispondiElimina
  5. Francesca cara, basta incrinarti le costole, te le vuoi rompere tutte?...Scherzi a parte, mi dispiace davvero tanto, immagino quanto sia frustrante per una persona attiva dover rimanere immobili, in più con un bimbo piccolo. Vedrai che questo giro di sfiga passa presto e tu ritornerai più splendente ed in forma che mai. Io, come tua grandissima fan, ti aspetto insieme a tutte le altre tue lettrici che ti adorano e che ti stimano tantissimo, esattamente come me.
    In bocca al lupo e buon proseguimento.
    Pepita

    RispondiElimina
  6. Sono un pò preoccupata per te prof, spero e voglio che non sia niente di grave, anzi so che non è niente di grave, sicuramente in un amplesso allucinante, multi orgasmico e selvaggio ti sei fracassata tutto...potevi stare più attenta, cazzo!
    Comunque riguardati e stai ferma se ti dicono di star ferma, che è importante!
    Baci!

    RispondiElimina