domenica 14 novembre 2010

Riassuntino

Sfrutto questo blog e anche la pubblicazione di questo post su Facebook per ringraziare tutti coloro che si sono interessati al mio stato di salute in mille modi diversi; spero di avere risposto a tutti – mi mancano ancora un paio di mail – ma se mi dovessi dimenticare di qualcuno sappiate che è assolutamente involontario e denota solo quanto io sia stralunata in questo periodo.
Non sono una persona particolarmente socievole, non sono affettuosa, non sono nulla di tutto ciò che mi porterebbe ad acquisire un gran numero di amicizie in rete; in realtà, sono piuttosto refrattaria persino alle amicizie nella vita reale, di carne, per autocitarmi, figurarsi se so cimentarmi con quelle di carta, a cui, lo ammetto, credo poco. Tuttavia – perché era ovvio che ci fosse un tuttavia – ho scoperto grazie ad efp delle persone ragguardevoli – scelta lessicale infelice, ma non ne trovo di più sincere – con cui scambiare opinioni su cose molto meno fantasiose e molto più quotidiane di una fanfiction, e posso dire di avere iniziato con piacere a conoscere molte di voi. Con alcune è una corrispondenza epistolare, più o meno puntuale in genere a causa mia, con altre sono battute su Facebook o su Twitter, con qualcuna ci siamo viste di persona ed è stato, credo, un potenziale inizio di qualcosa che andasse oltre al web. E la conversazione ha deragliato ovunque: ricordo disquisizioni letterarie, consigli culinari, aiuti con il bimbo, interessamenti vari (ognuna di voi probabilmente si ritroverà in alcune di queste cose) e insomma mi ha spalancato le porte di rapporti diversi da quelli a cui credevo di dovermi limitare in rete.
Così, non sono stata stupita quando ho ricevuto tanto interessamento per le mie recenti disavventure fisiche, ma ne sono comunque stata colpita. Grazie, come sempre, ma stavolta non per qualcosa di carta, bensì per qualcosa di carne. Anche in questo, so di non essere molto incline alle confidenze; le mie risposte sono più che altro scherzose, e tento, per quel che mi riesce, di non tediare gli altri, poiché abbiamo tutti i nostri problemi, ma stavolta riassumo quel che posso dire: le cose non vanno meglio, il dolore al fianco talvolta mi paralizza, i dottori sono in alto mare e per ora posso solo imbottirmi di cortisone; però non voglio drammatizzare – non siamo in una fanfiction, non ci sarà nessuna malattia fulminante a spazzarmi via con grande gioia dei miei alunni – e la nota positiva è che ho finalmente ricominciato a mangiare e sono partita con una millefoglie burrosa e pannosa. E questo è un bel modo per coccolarsi.
Arrivo anche al punto che, giustamente, vi interessa forse di più: questo finora non ha avuto effetti sulla pubblicazione, ma temo ne avrà, perché sono in un momento in cui mi devo dare parecchio da fare per il mio dottorato – attualmente a rischio, ma per motivi diversi di quelli della mia protagonista – e devo assolutamente concentrarmi sullo studio, sul lavoro, su questo bimbo demoniaco che ho partorito e naturalmente, ora, sulle ulteriori analisi; così, per non farvi morire nell’attesa e per evitare i messaggi minatori in bacheca – tanto lo so, che li metterete comunque – credo che la cosa giusta sia darvi una scadenza: pubblicherò, salvo davvero complicazioni terribili, ogni due settimane esatte, il venerdì (che è il mio giorno libero). Cercherò di intrattenervi con un congruo numero di spoiler e vi assicuro che questo è fatto anche per avere sempre un certo numero di capitoli pronti e non rischiare poi di lasciarvi in un’attesa troppo lunga, e anche perché, spesso, un capitolo successivo mi porta a correggerne uno precedente, per eliminare incongruenze, quindi mi serve mettermi avanti.
Allora, questo voleva essere un post affettuoso. Mi è uscito freddo e razionale, come sempre, e non so se scusarmi perché sono fatta così o buttarla di nuovo sul ridere. Ma insomma, un po’ mi conoscete ormai, no? E credo sappiate che resto sempre una prof di italiano, per cui le parole hanno un peso specifico molto elevato e vanno ponderate attentamente. Però, quando le dico o le scrivo, non sono mai di circostanza, come lo è questo mio riassunto pensiero di gratitudine.
Il primo che mi scrive qualcosa di melenso come commento lo faccio evanescere dai miei contatti.

7 commenti:

  1. Non sapevo stessi male e mi dispiace molto. Non so cosa si dice in questi casi, però sono certa che una con la scorza come la tua non la fai fuori facilmente, quindi aspetto di sapere che ti sei ripresa, anche se lo stomaco per digerire la millefoglie ce l'hai avuto!
    Un saluto prof, e in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  2. In culo alla balena per tutto, Francesca.
    Immagino che questo basti a non farmi evanescere. :D
    Un bacio,
    Morea

    RispondiElimina
  3. In bocca al lupo per tutto Franci ^^
    Ti prego però non sparire ok. Anche un semplice "cazzo" basta *-*
    Cris

    RispondiElimina
  4. ciao Francesca anche per me è un periodo un pò complicato fra un impegno all'altro ma al tempo stesso non sono mai stata più contenta perchè la realtà di carne delle persone che mi circondando mi sta prendendo a tal punto da avermi fatto rivalutare per la prima volta la carne alla carta e devo dire che ne sono particolarmente contenta! mi dispiace moltissimo per i tuoi problemi personali e mi e ti auguro che non siano niente di grave e che tu possa tornare presto in salute! immergiti nel tuo reale non solo èer gli impegni ma perchè può essere davvero un'esperienza fantatica come quella di Chiara che è di carta e mia che sono di carne anche se amo un pò troppo la carta, specilamente se è firmata da te! scusami se ti ho citata ma mi veniva così scrivendo. grazie per questo post mi torverai sempre qui a leggere commentare e sostenere perchè oramai mi sono affezionata al tuo modo di scrivere, alle tue storie e ovviamente anche alla scrittrice perchè con le tue parole mi trasmetti tanto e mi fai sentire bene quando leggo un tuo nuovo post! per cui ti auguro tutto il bene del mondo! a presto e in bocca al lupo per tutto! Giulia

    RispondiElimina
  5. Ma sei un rottame!Inoltre scommetto che la tua garanzia è scaduta.Non avrai nulla di melenso da parte mia lo sai bene.Purtroppo sono anche un'infermiera perciò mi sento in dovere di augurarti una veloce ripresa in attesa del prossimo organo da rottamare...
    Paula

    RispondiElimina
  6. Giuro solennemente di evitare cose melense, anche se sono nella mia natura, (Mi sento come se avessi davanti la mappa del malandrino)perciò posso solo dirti che la millefoglie è un ottimo inizio e che fai bene a preparti per quando ti porterò i dolci natalizi di mia nonna.
    Ho imparato ad essere più socioevole sulla carta che sulla carne, quindi non temere che ti arrivi in casa improvvisamente con palloncini colorati (non alla banana, non QUEI palloncini).
    Però, e arrivo al punto prima che tu mi faccia evaporare dai tuoi contatti, sono sempre qui "in agguato" e ogni tanto mi azzarderò a romperti le scatole per sapere se stai meglio.
    Un bacio.

    Chiara

    RispondiElimina
  7. Bhè,neanche io sono una tipa tanto affettuosa o propensa ad amicizie in rete,ecco perchè sono stata molto lontana dalla tua bacheca e da quella di molte altre autrici di efp D:
    Non è perché non mi interessi alla tua salute,anzi,è proprio il contrario; solo che mi sento a disagio a "distribuire miele",a cercare inutilmente parole che non possano essere troppo e poco.
    Sono una lettrice sconosciuta e per il momento credo mi vada bene così. Ogni tanto,contaci,ricopierò delle frasi che mi hanno colpito e ti taggherò,sperando sempre che questo non ti offenda e,se non è troppo,sbircerò negli spoiler,sempre però in silenzio.
    Come hai detto te,anche io sono fatta così :D
    Bhè,da quindicenne invasa dai compiti di greco e latino,vado a studiare..
    Magari PROF. non far troppo caso al mio italiano perfettissimo ;)
    E,quasi dimenticavo: non sò cosa tu abbia nè perché quei dottori non riescono a capirlo,ma spero,e non solo per la mia buona dose di Di Carne e di Carta settimanale,che tu guarisca presto. :D
    Visto che ho scoperto anche che hai una piccola peste e io adoro i bambini ( ho tre fratelli piccoli e i miei lavorano sempre T.T) mandi un bacione anche a lui..:D
    *Me si inchina ed esce di scena..) xD

    RispondiElimina