sabato 4 dicembre 2010

Di carne e di carta - Capitolo 12 - Non arrenderti

Trailer

- Se mi stai chiedendo se ne ho avuto abbastanza, la risposta è no – rispose con voce roca, fissandola attentamente.
E lei non ne aveva avuto abbastanza.
- Se mi stai chiedendo se desidero possederti ancora, qui e subito, la risposta è sì – continuò senza abbassare lo sguardo – Da quando sei entrata non faccio altro che pensare di chiudere la porta a chiave, strapparti via i vestiti e prenderti su questa cattedra.
Ecco, ora decisamente non poteva incolpare Alessandra, se quell’immagine l’avrebbe tormentata a vita.

7 commenti:

  1. Sollievo. Temevo davvero per la vita di Alessandra e sono felice che una persona tanto piena di tatto sia sopravvissuta xD

    RispondiElimina
  2. Sinceramente, se un uomo mi dice queste cose in tale modo le mutande me le tolgo da sola e corro a sedermi sulla cattedra...giuro!

    RispondiElimina
  3. Non vi illudete troppo. Lo stercorario è sempre dentro di lui...

    RispondiElimina
  4. Devo perdere il vizio di leggere i trailer, dato che rendono l'attesa ancora più impossibile, soprattutto per come s'è concluso il capitolo precedente: solo il complesso edipico ci mancava! Comunque terrò presente l'avvertimento: se lo stercorario è dietro l'angolo, ci andrò coi piedi di piombo ed eviterò di entusiasmarmi facilmente per Chiara.

    RispondiElimina
  5. Lo stercorario dentro di lui e l'uccel di Dio fuori di lui...quale creatura mitica hai concepito Mirya...

    RispondiElimina
  6. Cazzo, la scrivania. No, non posso resistere, non posso, non posso. Esigo un uomo

    RispondiElimina
  7. Mi sarei già spogliata mentre chiudevo a chiave la porta

    RispondiElimina