lunedì 6 dicembre 2010

Gracche

Perché non posso continuare sempre a dirvi 'grazie', primo perché risulterei ancora più ridondante e pesante di quanto io già sia - sì, la ripetizione ossessiva delle cose non è solo una mia caratteristica di stile, ma una mia cifra interiore -, secondo perché ormai quella è la battuta di Leonardo - lo stercorario cumano.
Perciò vi dico 'gracche', come lo dice il mio patato, perché vi assicuro che quando lo dice lui è il ringraziamento più emozionante del mondo - che poi lo faccia anche prima di avere ottenuto qualcosa, per essere così certo di ottenerla, è un altro paio di maniche e conferma solo quanto abbia preso caratterialmente da me -.
E lo so, che è la stessa cosa - è come nel film Dragonheart: chiama il drago 'Draco', originale davvero - ma ci sta proprio tutto, il 'gracche', dal momento che grazie a voi e grazie all'amministrazione di efp anche Chiasso è entrata a far parte delle storie scelte del sito; ne sono oltremodo felice perché, come sapete, mi sono avvicinata a Sirius Black con totale deferenza e con ancor maggior rispetto ho preso spunto da quella donna indimenticabile che è Edith Piaf.
Insomma, gracche.
Che d'ora in poi, in miryese, vorrà dire 'grazie'.

3 commenti:

  1. Beh, come potevi non meritarlo? Insomma, quella os è sublime. *_* Miryavigliosa senza dubbio.

    RispondiElimina
  2. gracche a te, perchè qualsiasi cosa tu scriva, arriva dritta al cuore...

    RispondiElimina
  3. In realtà grazie a te, che hai regalato forti emozioni con i tuoi capolavori. Ho letto metà delle fanfictions tutto d'un fiato, ero così presa nella lettura che non ho avuto il coraggio di smentire le convinzioni di mia madre, che pensava stessi studiando le dispense on-line. Grazie, perchè i tuoi scritti sono davvero fantastici.

    RispondiElimina