martedì 5 aprile 2011

Di carne e di carta - Capitolo 19 - Forse (seconda sillaba - se e sé)

Trailer

Il bacio la colse d’improvviso, ma non la scoprì per questo meno predisposta a riceverlo. Leonardo le avviluppò le labbra nelle sue, trovandole già socchiuse, e la leccò e saggiò con una lentezza che mal celava la fame che aveva di lei, che emerse più evidente quando le reclinò il capo sulla sua spalla, per avere migliore accesso alla lingua di Chiara. Nell’umida ovatta che li avvolgeva i loro gemiti risuonarono più forti perché forse più inattesi; riscoprirsi così, fisicamente propensi l’uno all’altro, non in un contesto precipuamente sessuale ma in conseguenza di un semplice bacio, mostrò ad entrambi che quella propensione, appunto, non poteva essere soltanto fisica. E persino la nebbia parve una scomoda presenza quando le mani di Chiara risalirono la schiena di Leonardo e le dita di lui le solleticarono la nuca, persino quel cortiletto sembrò di troppo, come se anche i fili d’erba fossero un inutile contorno ad un suolo di cui non avevano più bisogno, come se l’ossigeno non fosse più necessario rispetto alla saliva dell’altro, come se quel cielo notturno che non potevano intravedere oltre la coltre albina fosse un limite anche troppo vicino per la loro determinazione a spaziare.

3 commenti:

  1. e si spera che la nebbia vada via... almeno dal cervello di Leonardo!!! Su che ce la può fare...

    RispondiElimina
  2. A quando il prossimo capitolo?

    RispondiElimina