venerdì 4 gennaio 2013

2013 auguri!


Inizia l’anno nuovo (questo non dovrebbe nemmeno portare alla fine del mondo, a meno che Berlusconi non venga davvero rieletto) e si fanno i buoni propositi. Bene, quest’anno provo a farli anch’io, e siccome sono incapace di mantenere grosse promesse mi dedico a quelle piccole. Dieci? Dieci.
1)      Frequentare di più le amiche che solo recentemente ho trovato (Chiara, Veronica, Anna, preparatevi), rispondere al telefono o riuscire persino a chiamare direttamente io (Nat, Virgi, Alice, Giulia: mi farò installare un ripetitore nel sedere) e rispondere tempestivamente alle e-mails (di nuovo Alice e Giulia e anche Anna, naturalmente, che invece si dimostra velocissima quando le scrivo io e mi fa vergognare un sacco).
2)      Finire la prima stesura di Acqua, prima che la storia, come accade spesso quando devo rileggermi, mi venga a noia in maniera insostenibile.
3)      Convincere almeno cinque studenti su centoventi che leggere è una figata ed essere quasi analfabeti per scelta è da sfigati.
4)      Mangiare cibo greco (non l’ho mai provato, assurdo, lo so).
5)      Insegnare ad Andrea a rispettare le regole del Memory senza barare in continuazione.
6)      Ricominciare a leggere qualcosa in tedesco, almeno le fiabe.
7)      Comprarmi un completo intimo che mi faccia sentire davvero figa, magari osando sperimentare la sensazione di La Perla per la prima e ultima volta che potrò mai permettermi.
8)      Riuscire a far sopravvivere almeno un pesce su quattro nell’acquario (beh, questa è per mio marito, fosse per me non mangerebbero mai, ma mi impegno a inviar loro vibrazioni mentali positive a riguardo).
9)      Aggiornare più spesso questo blog (non ci credete, eh? Vi sorprenderò!).
10)  Ridere tanto con mio figlio e mio marito.

Tocca a voi: c’è almeno un proposito realizzabile in cui intendete impegnarvi? Spero di sì, e vi invio vibrazioni mentali positive anche riguardo a questo. Spero funzionino meglio che coi nostri pesci, la cui durata in casa nostra è breve in maniera inquietante e dà luogo al seguente dialogo:

Andrea: Dove è finito il pesce nero?
Io e il papà: E’ andato in vacanza, amore.
Andrea (con tono incredulo): Anche lui?!


16 commenti:

  1. E benvenuta anche a te nel 2013!
    Io non faccio mai liste di propositi. Mi limito a concentrarmi su cosa portare nel Nuovo Anno. Non dovresti stare troppo stretta nel sacco, sai che professo il 'pochi ma buoni'...
    ...beh, non intendo buoni-buoni, ma hai capito.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu non fai i propositi, perché sono i propositi a farsi te! Che non voleva avere questa sfumatura erotica, ma significare che sei davvero una donna dalle mille potenzialità e capacità... ed estremamente puntuale. Sob.

      Elimina
  2. Domanda:
    Di che forma è il ripetitore che ti farai installare nel sedere?

    Nat

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh...ma così non risponderai mai! Farai squillare ininterrottamente il telefono per gustarti tutto il "ripetitivo titillare"...

      Elimina
  3. I miei propositi per il 2013...vediamo...
    Uno: smettere di chiamare la Baraldi fino a che non si deciderà a chiamare lei.(seeeehhhh...come no...)
    Due: smontare l'albero di Natale a Pasqua, perchè arreda...non perchè sono pigra.
    Tre: creare delle etichette adesive con su scritto "integratore alimentare dietetico" e attaccarle a tutti i barattoli di Nutella che entreranno nella mia dispensa (molti).
    Quattro: leggere, leggere e, ancora, leggere.
    Cinque: fare tanto sesso, divertente, sconquassante, dimagrante sesso coniugale consenziente. Molto consenziente.
    Sei: chiedere al marito se è consenziente anche lui.
    Sette: Uscire più spesso con gli amici.
    Otto: Trovare la cura per il cancro.
    Nove: Andare dallo strizzacervelli per curare il mio delirio di onnipotenza.
    Dieci: continuare, ogni giorno, a dire e dimostrare alle mie figlie che le amo schifosamente troppo.
    Dieci bis: essere vergognosamente felice.

    Natalie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non capisco la uno, davvero, non so di cosa stai parlando. E non mi piace la Nutella. Le altre te le sottoscrivo tutte!

      Elimina
    2. Soprattutto la nove....
      ;)

      Nat

      Elimina
  4. Andiamo con ordine:
    1) Passare i tre esami previsti fra la sessione di gennaio e febbraio.
    2) Non scagliare i manuali di russo contro la perfida professoressa e soprattutto decidersi a riprenderli in mano.
    3) Fidarsi un pelino di più del prossimo senza sbattere immediatamente la porta in faccia ai primi temerari che esordiscono soltanto con un "Ehi, scusa, posso conoscerti o in alternativa farmi conoscere?". Di solito la porta la chiudo a "Ehi". Ma i primi miglioramenti si sono visti già nel 2012.
    4)Be proud of yourself. Smetterla di colpevolizzarsi per gli errori di primissima gioventù. Gli alberi nascono dalla merda. Bisogna sentirsi un po' tutti alberi. Poi ci saranno quelli ricchi di rami e quelli un po' spoglietti, ma si tratta comunque di alberi. I cespugli non nascono dalla merda, bensì spontaneamente. Quindi diciamo che gli stronzi sono i cespugli.
    5) Convincere il fratellino settenne che Harry Potter è molto più bello di Scooby-Doo. Non esistono soltanto i libri di Scooby-Doo!
    6) Fare nuove conoscenze. Ne ho fatte parecchie nel 2012... ma che male c'è a volerne fare ancora nel 2013? (Che poi si ricollega un pochino al punto 3. Ma solo un pochino)
    7) Finire la tanto sudata Dramione e pensare seriamente di pubblicare l'Originale che mi sta bucando il cervello.
    8) Cercare di far capire agli ignoranti che Genere Fantasy non è uguale a Lettura di Serie B. Non esistono letture di serie B. Esistono i lettori di serie B.
    9) Imparare a perdonare... e a perdonarsi.
    10) Vivere. Il resto verrà da sé.


    Buon anno!

    Ele/Assunta/Chi ti pare insomma.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se c'è una che usa bene il tempo a sua disposizione per sfruttare se stessa e la propria vita, quella sei tu. Ti ho visto tanto cambiare e sono certa che ne vedrò ancora delle belle e che riuscirai in tutti ciò che davvero conta o, quando non riuscirai in qualcosa, saprai astutamente modificare le aspirazioni per dimostrare che in fondo non era importante. Malfoy insegna, e tu impari benissimo.
      Non riesco a tollerare Scooby-Doo, non ce l'ho mai fatta. Hai tutta la mia compassione.

      Elimina
  5. E' inutile, riesci sempre a farmi sorridere...ed è l'unico proposito che mi porto nel 2013...sorridere!
    Un abbraccio a tutti e 3

    Fra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uno è lieto di poter servire!
      Poffarbacco, nel far ridere sono bravissima. Soprattutto quando mi spoglio!

      Elimina
  6. Beh, ecco i miei propositi per il nuovo anno:
    1) Continuare a parlare con i vicini e con il marito della Garibaraldi, se possibile facendomi capire.
    2) Cercare di capire se la Giulia di cui parli nel punto 1 sono io ovvero una sosia più fortunata.
    3) Far crollare ogni ditta che offra soprattutto internet. In qualsiasi Paese e in qualsiasi modo.
    4) Leggere più libri in tedesco solo per stuzzicare una certa persona.
    5) Conquistare il monopolio delle sigarette e dell'alcol, e quindi il mondo. Non necessariamente in quell'ordine.
    6) Trovare un proposito da inserire qui e quindi alla vita.
    8) Imparare a contare e allora a fare elenchi in ordine.
    9) Adoperare più parolacce, cazzo.
    10) Non farmi fregare l'accendino ogni settimana.

    Insomma, sono tornata: l'erba mala non muore mai. Stammi sempre bene, Porfiria.
    Io, ovvero quella che crede che Acqua e la sua copertina si riferisca solo allo stato non proprio solido delle tue gambe.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io credevo proprio che la Giulia del punto 1 fossi tu, ora non ne sono più tanto sicura. Voglio dire, in quante siete lì dentro? Andate d'accordo l'una con l'altra o siete in lite perenne? Propendo per la seconda ipotesi, che tradotto in soldoni sarebbe: Sibi, Giulia, donna folle e inconcepibile, fai pace col tuo cervello!

      Elimina
  7. Ciao! Che brava a fare i propositi per il nuovo anno...solitamente non li faccio perchè non riesco mai a realizzarli; arrivo alla fine dell'anno che mi sembra di non aver combinato niente!
    Però un buon proposito sarebbe quello di rispondere ai messaggi(di solito dopo averli letti dico:ok rispondo dopo, ma quel dopo non arriva mai!).
    Un'altro proposito sarebbe quello di riuscire a trovare un'uomo che mi sopporti...ma la vedo dura!
    E per finire: sorridere di più e arrabbiarmi di meno.
    Tanti auguri di buon anno!
    Grazie per le vibrazioni positive, arrivano anche qui oltre che nel tuo acquario!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma voi non fate la fine dei miei pesci, vero? Ti auguro di realizzare tutto, e di divertirti un mondo nel farlo!

      Elimina