giovedì 7 maggio 2015

Piccola serenata diurna

Sono felice.
Lo so che non va di moda, lo so che la filosofia di questo millennio è il nichilismo, però io sono antiquata e tanto vale che lo ammetta: sono schifosamente felice.
Ho come tutti dei problemi, ho la mia fedele cefalea a grappolo che mi accompagna puntuale, lavoro di giorno e scrivo di notte e ho mille anni di sonno arretrato, mi manca infinitamente mio padre, ho gli acciacchi che vengono con l’età, eppure, con l’età, è venuta anche la felicità, la capacità di vedere sempre il bicchiere mezzo pieno – forse, come dico sempre, perché lo riempio di Ceres.
Non nego le brutture, non fuggo le sofferenze, né fisiche né morali, piango e sanguino come tutti, ma mio D, amo così tanto vivere che non mi capacito di essere già arrivata a trentanove anni e di essere, se mi va bene, già a metà strada.
Il patato mi sveglia ogni mattina alle sei e mezza e mi massacra ogni momento, ma lo adoro.
Col marito litigo quasi ogni giorno perché sono una litigiosa, ma lo adoro (e signore, lo so quanto sono fortunata ad avere un uomo che divide con me ogni faccenda di casa, ogni onere, che mi manda i fiori a scuola per il nostro decimo anniversario di matrimonio e mi sveglia la mattina del mio compleanno con la mia torta preferita e le candeline accese).
Il lavoro mi stanca infinitamente (quest’anno sono a scuola praticamente sempre), ma lo adoro.
Gli alunni sono scemi oltre ogni limite, ma li adoro.
I miei libri piacciono ad alcuni sì e ad alcuni no, ma adoro scriverli.
Mi mancano alcune amiche (Natalie, Sere, Cate!) ma adoro il fatto di averle conosciute.
Amo il mio lavoro, amo scrivere, amo la mia famiglia, amo vivere.
L’ho passata anch’io, la fase “l’amore non esiste/siamo tutti cattivi/il mondo è brutto” e insomma, come diceva Leopardi, “tutto è male”. Ma appunto, l’ho passata. È perché ho ricominciato a scrivere e mi sono riappropriata di una parte di me? È perché finalmente mi sono aperta alla famiglia di mio marito e ho scoperto cosa significa avere una famiglia? È perché ormai sono rincoglionita? Tutto può essere. Però ecco, anche quando arrivo a sera piangendo per la stanchezza o il dolore – e a volte capita e non è mica una cosa da nascondere – io continuo a pensare che pure quella giornata valeva la pena d’essere vissuta.

Oggi compio trentanove anni, ma sono io a fare un augurio a voi: che possiate un giorno tutti raggiungere quella piacevole scemenza per cui il bicchiere è sempre mezzo pieno.
Magari di Ceres.




4 commenti:

  1. Una cosa è certa: sei rincoglionita! Ma una rincoglionita felice... E in realtà la felicità sta tanto nel vedere quel bicchiere mezzo pieno, se poi è di Ceres, molto meglio.
    Tanti auguri Francesca, da una di quelle (rincoglionite) che ti mancano e a cui manchi tantissimo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E presto, spero, brinderemo insieme alla nostra veneranda età e a tutta la felicità che possiamo succhiare dalla vita.
      "...per non scoprire in punto di morte che non avevo vissuto."

      Elimina
    2. Innanzitutti Tanti cari auguri Mirya,
      io sono arrivata alla tua stessa veneranda età 3 mesi fa e, come credo anche tu, non ho lasindrome dei 40 anni, ovvero quella disperazione che spesso accomuna tutti i 39enni che pensano che dopo 365 festeggeranno gli anta.
      Non sono esattamente felice come te, a volte incazzata, mooolto incazzata, ma da qualche mese a questa parte sto cambiando visione del mondo: sono nella fase MCCMNF!!
      Curiosa di sapere cosa significa
      Ma
      Che
      Cazzo
      Me
      Ne
      Frega.
      Ti dirò di più, mi sto facendo scivolare addosso un pò di roba.
      Non so se raggiungerò mai le tue alte vette della felicità assoluta, ma nel frattempo "machecazzomenefrega".
      Ancora tanti auguri cara Mirya.
      Besos

      Elimina
    3. Allora auguri in ritardo anche a te!
      Guarda, io ci farei la firma, affinché la fase del MCCMNF durasse per tutta la vita. Basta anche solo quello, a farci felici, in fondo.
      Perché poi ci frega di tanto, ma solo di quel tanto che conta davvero e che è davvero bello. E del resto, MCCMNF!

      Elimina